È la quota riservata alle realtà ecclesiastiche sul fondo di 4 milioni destinati all'adeguamento strutturale e tecnologico. Il bando si apre il 23 gennaio e si chiude il 28 febbraio: Acec Milano disponibile ad assistere le parrocchie nella compilazione delle domande.

Per le Sale della Comunità grandi novità in merito a finanziamenti regionali. Finalmente viene riconosciuta l’importanza culturale che la sala della parrocchia ha per la comunità ed è stato attivato un bando per il finanziamento di progetti per l’adeguamento strutturale e tecnologico di sale destinate ad attività di spettacolo e l’acquisto e installazione di apparecchiature digitali per la proiezione.

Per don Gianluca Bernardini, presidente dell’Associazione Cattolica Esercenti Cinema della Diocesi di Milano, «è un buona occasione per le nostre Sale della Comunità e le parrocchie per avere un aiuto concreto nel perfezionamento di un servizio culturale e pastorale che le nostre comunità già svolgono con impegno e dedizione».

Tramite questo bando, in scadenza il 28 febbraio (ore 15.30), Regione Lombardia intende sostenere progetti per l’adeguamento strutturale e tecnologico di sale destinate ad attività di spettacolo (teatri, cinema, cineteatri, auditorium musicali, sale polivalenti con prevalente attività di spettacolo) che prevedano «installazione, ristrutturazione, rinnovo di impianti, apparecchiature, arredi e servizi complementari».

Ci sono alcune priorità di intervento, riguardanti in particolare: l’aggiornamento delle nuove tecnologie relative alla proiezione cinematografica in digitale; la messa in sicurezza delle sale; l’aggiornamento e ampliamento delle dotazioni tecniche delle sale; l’aumento del confort per il pubblico; la possibilità della fruizione dello spettacolo da parte di persone con disabilità sensoriale.

La dotazione complessiva prevista dal bando è di 4 milioni di euro, di cui 900 mila euro destinati alle sale parrocchiali e, più precisamente, a enti e istituzioni ecclesiastiche che realizzano progetti relativi a spazi da destinare ad attività di spettacolo esistenti già attive, e altri 300 mila per l’apertura di nuove sale o il ripristino di sale inattive.

Sono considerati ammissibili i progetti da avviare o avviati a partire dal 1° giugno 2016 e i cui titoli di spesa sono stati emessi successivamente a tale data per un importo compreso tra 20 mila e 300 mila euro (Iva inclusa). Regione Lombardia coprirà fino al 30% del totale delle spese ammissibili con un contributo a fondo perduto erogato in un’unica tranche a seguito della rendicontazione del progetto.

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata, a partire dal 23 gennaio, dal soggetto richiedente obbligatoriamente in forma telematica, per mezzo del Sistema Informativo SiAge disponibile all’indirizzo www.siage.regione.lombardia.it. L’ACEC della Diocesi di Milano si impegna ad affiancare le parrocchie che vogliono usufruire di questa opportunità e rispondere alle loro domande. I suoi contatti sono acecdiocesimilano@gmail.com e tel. 02.67131657