Quinto e ultimo appuntamento con Il cinema riprende, il cineforum online organizzato dal’ACEC della Diocesi di Milano in collaborazione con le Sale della Comunità. Cinque presentazioni di film disponibili sui canali social dell’associazione e curati dal critico cinematografico Andrea Chimento.

di Gabriele Lingiardi

Il cinema riprende Il Labirinto del Fauno Facebook

Il film della settimana è: Il labirinto del fauno. Una fiaba nera diretta dal regista premio Oscar Guillermo del Toro. Siamo nella Spagna, nel 1944, dopo la fine della guerra civile e la vittoria di Francisco Franco. Un’ambientazione e insolita per un film che, gradualmente, ci immerge nel regno di fantasia della sua protagonista che, come Alice nel paese delle meraviglie, si addentrerà in un regno magico. A differenza del racconto di Lewis Carroll, quello rappresentato nel film è un territorio tutt’altro che accogliente, ma anche un rifugio dagli orrori della guerra per la bambina. Il regista messicano, conosciuto ai più per La forma dell’acqua, ama i mostri, li usa come strumento per raccontare il diverso. Il labirinto del fauno non teme però di immergersi negli orrori della guerra. La visione è infatti consigliata a un pubblico maturo. Ma questo contrasto tra i due mondi (quello reale e quello delle creature) è potentissimo e imperdibile. Guillermo del Toro parla chiaro con questo film: la mostruosità non è mai fisica, ma dell’anima. La protagonista Ofelia troverà rifugio là dove appare come diversa mentre gli uomini, dediti alla violenza e alla guerra, sono il segno di una terra che può venire salvata solo dai bambini. La colonna sonora ricorda una ninna nanna a simboleggiare la fanciullezza, mentre i riferimenti pittorici sono rivolti alle inquietudini di Goya. Una menzione speciale va a Doug Jones, splendido attore che, sotto tonnellate di trucco, dà vita a mostri che sentiamo molto vicini. Il film è disponibile gratuitamente su RaiPlay. Il cinema riprende avrà come chiusura un appuntamento live di incontro con il pubblico in cui potere interagire con il critico che ha curato la rassegna. La data verrà comunicata prossimamente sui canali social dell’ACEC Milano.

Potete vedere la presentazione qui di seguito: